DAVID SASSOLI a Macerata

Un altro interessante incontro pubblico in vista delle elezioni europee. A Macerata presso il bar Venanzetti alle ore 18,00 Giovedì 16 Maggio:
Bianca Verrillo e David Sassoli presentano i progetti per una nuova #Europa, più vicina alle persone e ai territori, più democratica, più verde, più giusta e solidale, del lavoro. 

IL PD MACERATA ACCOGLIE L’APPELLO DEL RETTORE DI UNIMC FRANCESCO ADORNATO

Durante l’inaugurazione dell’anno accademico il Rettore Francesco Adornato ha lanciato un appello all’Amministrazione comunale per un confronto serrato e di alto profilo tra Comune e Università per stabilire una strategia comune per Macerata, che ormai è a tutti gli effetti una Città universitaria.
E’ una richiesta d’incontro assolutamente giusta e che va accolta immediatamente e che il nostro partito si farà carico di sollecitare. E’, infatti, importante discutere delle strategie della Città tenendo conto della centralità in essa degli studi e della ricerca e soprattutto dell’Università, che negli anni precedenti si è trasformata da un Ateneo d’elite di poche centinaia di studenti in una Università di massa con migliaia di iscritti e frequentanti. Un processo che, tra l’altro, porta la Città ad avere migliaia di ospiti permanenti, tanto che la sua popolazione aumenta in maniera esponenziale praticamente per tutto l’arco dell’anno e pone inediti problemi soprattutto di servizi che è impossibile eludere.
Inoltre bisogna tener conto che sono state di grande importanza sia il terreno dell’umanesimo che innova messa in campo dal passato rettore Pierluigi Lacchè, che la forte impronta internazionale data dall’attuale Rettore Francesco Adornato.
Entrambe questi terreni impongono a Macerata la necessità di confrontarsi con tematiche generali e in un respiro europeo ed internazionale, che impongono alla Città un confronto che superi ampiamente le mura cittadine e si rivolga al mondo e ai suoi nuovi contenuti, mettendo da parte questioni come quella dell’ex Upim che al confronto di questo scenario sono veramente delle piccole cose.
Infatti, all’interno della crisi Macerata può e deve trovare delle grandi opportunità nella strada della innovazione e della ricerca, delle “città creative”, del sistema della conoscenza e della ricerca. Se è vero che alla produzione di merci si sta sostituendo un sistema di produzione di idee e di beni immateriali, la nostra Città può trovare in sé i punti di forza con cui rispondere alla crisi, valorizzando in primo luogo le risorse del capitale umano che possiede. E in questo percorso il ruolo dell’Università è centrale e il nostro Partito ne è fermamente convinto.

Stefano Di Pietro
Segretario del Circolo
del PD di Macerata

Le nuove scuole di Macerata e le polemiche di basso profilo

La priorità assoluta dopo il terribile terremoto del 2016 è la massima sicurezza antisismica delle strutture pubbliche a partire dalle scuole che ospitano i nostri figli. Un impegno “etico” per ogni amministrazione! Ed è veramente disarmante che una madre, come la signora Francesca D’Alessandro, possa disconoscere questa realtà semplicemente per alimentare una polemica politica di basso profilo. Infatti, questa è la significativa realtà che bisogna riconoscere di fronte alla costruzione delle due scuole che saranno edificate nell’area delle “ex casermette”: che Macerata avrà due nuove scuole di elevatissima qualità antisismica dove mandare a studiare i nostri ragazzi.

Il risultato delle primarie a Macerata: un’affermazione della democrazia e della partecipazione

1233 Grazie Macerata - Primarie PD

Anche nella Città di Macerata il voto alle “primarie” del Partito Democratico ha segnato il raggiungimento di un risultato che va oltre il sostegno al nostro Partito, ma che si caratterizza per una affermazione della democrazia e della partecipazione.

A Macerata hanno votato ben 1.233 persone e Nicola Zingaretti, come nel resto del Paese, è risultato il candidato più votato con il 67,62% di consensi, seguito da Maurizio Martina con il 18,72% e da Roberto Giachetti con il 13,65%.